Visita guidata alle chiese di Santa Maria Nuova e del Gonfalone a Viterbo: due rarità

Se hai a disposizione più di una mezza giornata da dedicare a Viterbo, in fase di organizzazione della visita guidata della città, richiedimi di accompagnarti a visitare due delle chiese a mio avviso più belle, perché solitamente non sono incluse nel giro classico del centro storico! Te le illustro brevemente, così potrai decidere.

Santa Maria Nuova: il pantheon della pittura medievale a Viterbo

Santa Maria Nuova è una delle chiese più antiche di Viterbo ed è ricchissima di affreschi e opere realizzate durante il periodo medievale. Per tutto il Medioevo questo luogo di culto era il riferimento delle più importanti famiglie viterbesi; qui edificarono cappelle gentilizie decorandole con affreschi e statue che ancora oggi, dopo un recente restauro dell'intero ambiente, si mostrano in tutto il loro splendore. Quando visitiamo posti suggestivi come questi, con o senza una guida turistica, non dimentichiamo di guardare anche verso l'alto! Il soffitto a capriate di questa chiesa è formato da centinaia di pianelle in cotto interamente dipinte. Un vero spettacolo!
C'è poi il trittico del XIII secolo, che è un rarissimo esempio di cuoio dipinto su tavola dove buoi, carri e bifolchi furono i protagonisti indiscussi di un miracolo ancora oggi ricordato e vivissimo nella tradizione popolare della città.

Adiacenti alla chiesa sono anche il cosiddetto "Chiostro longobardo" e la cripta più piccola della provincia, con una pregevole fonte battesimale.
Tuttavia non sempre queste parti della chiesa di Santa Maria Nuova le trovi aperte. Per questo motivo ti invito a contattarmi e, in qualità di guida turistica abilitata per Viterbo e provincia, prenderò contatti per fartele trovare aperte, ti consiglierò quando poterle visitare oppure organizzerò per te un tour guidato, magari abbinandole ad altri luoghi della città di Viterbo.

La chiesa del Gonfalone: il meglio del barocco a Viterbo

La provincia di Viterbo è davvero una miniera di sorprese. Visitare la chiesa del Gonfalone, intitolata a San Giovanni Battista, è l'occasione per vedere uno dei pochissimi esempi superstiti di barocco viterbese e forse anche quello di più alto livello. Il caso vuole che si trovi quasi di fronte alla chiesa di Santa Maria Nuova; quindi se sei già qui è una tappa d'obbligo.

Soffitti e pareti della Chiesa del Gonfalone sono completamente decorati da affreschi realizzati nel XVII e XVIII secolo che creano illusioni ottiche sensazionali! L'Arciconfraternita del Gonfalone si occupa volontariamente di aprire su richiesta ai visitatori la chiesa e custodire questo scrigno di bellezza che non sempre è possibile trovare aperto.
Come fare allora? Semplice: se ti serve una guida turistica abilitata di Viterbo o solo sapere quando poter visitare la chiesa del Gonfalone, contattami e farò in modo di fartela conoscere!
Se stai pensando che una guida turistica non ti serve per visitare una chiesa, ti posso dire che quelle colonne affrescate che vedi in foto, camminando in una certa direzione, si spostano! Ma è solo una formidabile illusione ottica che forse non avresti mai scoperto senza una visita guidata!
Sapevi che all'interno della chiesa del Gonfalone ci sono opere dipinte dal pittore ufficiale di Luigi XIV, il Re Sole? Sorprendente vero?