Visitare Piazza della Rocca a Viterbo: Museo Nazionale Etrusco e Chiesa di San Francesco

L'antica Rocca di Viterbo si affaccia su una delle piazze più imponenti della città ed è addossata alle mura cittadine, nei pressi della maestosa Porta Fiorentina.
Una visita guidata di circa tre ore ti permette di conoscere due caratteri distintivi di Viterbo: la storia del popolo etrusco al Museo Nazionale Etrusco e l'età medievale all'interno della Chiesa di San Francesco, custode di capolavori duecenteschi importantissimi tra i quali due tombe papali.

Il Museo Nazionale Etrusco alla Rocca Albornoz di Viterbo

Il Museo Nazionale Etrusco è uno dei più importanti di tutta la provincia di Viterbo. Incastonato nella bella cornice di piazza della Rocca è anche uno dei musei archeologici più importanti sul popolo etrusco e la sua esposizione moderna rende fruibile e mai noiosa la comprensione di questa affascinante civiltà.
Ti consiglio di ritagliare due ore per scoprire questo museo ospitato all'interno dell'antica rocca, costruita nel pieno Trecento e ristrutturata poi dal Bramante per volere di Giulio II.

Visita guidata alle collezioni del Museo nazionale etrusco

Il Museo ospita i suoi tesori sui tre piani dell'edificio, dislocati attorno al bellissimo cortile centrale.
La sezione forse più sorprendente è quella al piano terra dedicata al sito di Acquarossa, un unicum in tutto il mondo: gli scavi archeologici del secolo scorso hanno fatto riaffiorare i resti di un "palazzo" le cui terrecotte architettoniche di VII e VI secolo a.C. sono inserite in una ricostruzione di case etrusche arcaiche. Gli oggetti e le terrecotte che decoravano le case e il tempio ricostruiti all'interno del Museo Nazionale Etrusco, così come i reperti di mobili e di utensili di tutti i giorni, ci permettono di comprendere come si svolgeva la vita quotidiana dei nostri antenati etruschi. Una visita guidata è consigliata sia per gli adulti sia per i più piccoli, che potranno imparare giocando. Si può osservare come venivano tinti i tessuti, come si filava, come si cuocevano i cibi (e soprattutto quali cibi si consumavano), il mobilio delle case, le stanze in cui si svolgevano attività come il simposio e si potrà comprendere quale fosse il ruolo sociale della donna in questa antica civiltà.

Al primo piano del Museo Nazionale Etrusco di Viterbo sono invece esposte le statue delle Muse che decoravano il bellissimo teatro romano di Ferento.
Il sito archeologico di Ferento, a circa 8 km da Viterbo, è normalmente chiuso al pubblico ma è possibile visitarlo con me che, come guida turistica abilitata, farò una richiesta di apertura straordinaria (link); in circa un’ora avrai la possibilità di ammirare il teatro, le terme, le botteghe e la strada romana basolata.
Ma le sorprese non finiscono qui perché all'interno del Museo Nazionale Etrusco di Viterbo ammireremo anche i bellissimi mosaici delle terme di Musarna e capiremo quali funzioni avevano queste frequentatissime spa ante litteram a uso dell'alta società ma anche del popolo.

Il viaggio storico-culturale termina all'ultimo piano del Museo Nazionale Etrusco dove sono conservati i corredi funerari dei più importanti centri dell’Etruria meridionale interna. L'ultima sala custodisce invece un’autentica biga etrusca, la cosiddetta Biga di Castro, una delle tre esistenti al mondo.
Prima di uscire dal Museo Nazionale Etrusco ammireremo Viterbo dall'alto nella bellissima Loggia aperta sulla piazza che regala una visione davvero suggestiva.
Ah, dimenticavo! Vedremo anche cavalli, gioielli, amuleti, giochi da tavolo e mezze monete; ti spiegherò tutti i dettagli durante il tour.

Terminata la visita guidata al Museo Nazionale Etrusco è possibile continuare il tour guidato nella Chiesa di San Francesco di Viterbo, situata nella medesima piazza, per scoprire opere d'arte medievali di assoluta bellezza.

Chiesa di San Francesco: le tombe dei Papi

Tra i tanti tour che si possono fare a Viterbo e provincia, non può mancare una visita guidata alla Chiesa di San Francesco alla Rocca, situata nella bella piazza della Rocca dove svetta la fontana più grande del centro storico, costruita in epoca rinascimentale. La chiesa di San Francesco si trova nelle immediate vicinanze del Museo Etrusco di Viterbo e spesso viene visitata una volta terminato il tour. La chiesa di San Francesco è una basilica romanica costruita a partire dal 1237 e restaurata nel dopoguerra. In facciata è incastonato un pulpito a pianta esagonale, eretto nel 1428 a ricordo della predicazione a Viterbo di San Bernardino da Siena. L’interno, molto semplice e austero, custodisce importanti opere d’arte della città. Interessantissimi sono i monumenti sepolcrali di due Papi, Clemente IV e Adriano V, costruiti alla fine del Duecento, forse dal grande Arnolfo di Cambio, per custodire le spoglie di questi due pontefici eletti a Viterbo quando la città era sede della corte papale. Mosaici, sculture e marmi colorati fanno di questi due monumenti una delle più alte espressioni dell’arte medievale a Viterbo.

Terminata la visita guidata alla chiesa di San Francesco è possibile rifocillarsi con un gustoso aperitivo nei tanti caffè presenti nel centro storico. Vale la pena affacciarsi all’interno dell’elegante Caffè Schenardi su Corso Italia, uno dei dieci caffè storici più importanti di Italia.


Scegli sempre una guida turistica abilitata! Saprà farti assaporare il meglio che Viterbo e la sua provincia offrono regalandoti piacevoli momenti che difficilmente dimenticherai!